Joy Harjo: non disturbare lo spirito della terra

Joy Harjo: non disturbare lo spirito della terra

                                       photocredit Matika Wilbur dal sito www.joyhario.com

 

Joy Harjo è una perfomer e scrittrice di fama internazionale del Muscogee (Creek) ed è stata nominata 23 ° poeta laureato degli Stati Uniti nel 2019. Autrice di nove libri di poesia, diverse opere teatrali e libri per bambini e un libro di memorie, Crazy Brave, i numerosi premi ricevuti includono il Ruth Lily Prize for Lifetime Achievement della Poetry Foundation, l’Academy of American Poets Wallace Stevens Award, il PEN USA Literary Award, il Lila Wallace-Reader’s Digest Fund Writers ‘Award e varie borse di studio. Harjo è cancelliere dell’Accademia dei poeti americani ed è membro del consiglio di fondazione della Native Arts and Cultures Foundation. Vive a Tulsa, in Oklahoma, dove collabora come membro onorario al Tulsa Artist Fellowship.

 

DESIRE

Say I chew desire and water is an explosion

of sugar wings in my mouth.

 

Say it tastes of you.

 

Say I could drown because you left

for the time it takes a blackbird to understand

a pine tree.

 

Say we enter the pine woods at dawn.

 

We never slept and the only opium we smoked

was what became of our mingled breath.

 

Say the stars have never learned

to say goodbye. (One is a jewel

of blue magic in your perfect ear.)

 

Say all of this is true and more

 

than there are blackbirds

in a heaven of blackbirds.

 

 

DESIDERIO

 

Facciamo che mastico desiderio e il succo esplode

di ali di zucchero in bocca.

 

Facciamo che ha il tuo sapore.

 

Facciamo che potrei anche annegare se te ne vai

per il tempo che occorre a un merlo

per capire un pino.

 

Facciamo che all’alba entriamo in pineta.

 

Non abbiamo dormito e il solo oppio che abbiamo fumato

è quello prodotto dai nostri respiri congiunti.

 

Facciamo che le stelle non hanno mai imparato

a dire addio. (Una è un gioiello

di magia azzurra nel tuo orecchio perfetto).

 

Facciamo che tutto questo è vero

 

com’è vero che ci sono merli

in un paradiso di merli.

 

(Traduzione di Andrea Sirotti e Loredana Magazzeni)

 

 

*

 

Speaking Tree 

 

I had a beautiful dream I was dancing with a tree.

—Sandra Cisneros

 

Some things on this earth are unspeakable:

Genealogy of the broken—

A shy wind threading leaves after a massacre,

Or the smell of coffee and no one there—

 

Some humans say trees are not sentient beings,

But they do not understand poetry—

 

Nor can they hear the singing of trees when they are fed by

Wind, or water music—

Or hear their cries of anguish when they are broken and bereft—

 

Now I am a woman longing to be a tree, planted in a moist, dark earth

Between sunrise and sunset—

 

I cannot walk through all realms—

I carry a yearning I cannot bear alone in the dark—

 

What shall I do with all this heartache?

 

The deepest-rooted dream of a tree is to walk

Even just a little ways, from the place next to the doorway—

To the edge of the river of life, and drink—

 

I have heard trees talking, long after the sun has gone down:

 

Imagine what would it be like to dance close together

In this land of water and knowledge. . .

 

To drink deep what is undrinkable.

 

 

 

 

Albero parlante

 

Che bel sogno ho fatto, stavo ballando con un albero.

 

— Sandra Cisneros

 

Certe cose su questa terra sono indicibili:

La discendenza dei deboli —

Un vento timido che attraversa le foglie dopo un massacro,

O l’odore del caffè mentre lì non c’è nessuno —

 

Alcuni umani affermano che gli alberi non sono esseri senzienti,

Ma non comprendono la poesia —

 

Né possono sentire gli alberi cantare quando si sono nutriti di

Vento o di musiche d’acqua —

O ascoltare il loro grido d’angoscia quando

si spezzano e vivono il lutto

 

Ora sono una donna desiderosa di essere un albero, piantato

in una terra umida e scura

Tra alba e tramonto —

 

Non posso camminare attraverso tutti i regni —

Ho un desiderio che non posso nutrire da sola al buio —

 

Cosa dovrei fare con questo profondo accoramento?

 

Il più ben radicato sogno di un albero è camminare

Anche solo per un piccolo tragitto, da un luogo vicino all’ingresso —

lungo la sponda del fiume della vita e bere —

 

Ho udito un mormorio di alberi, molto dopo il tramontare del sole:

 

Immagina come sarebbe ballare insieme

In questa terra di acqua e di sapienza. . .

 

Dissetarsi profondamente di ciò che è imbevibile.

 

 

 

Da Conflict Resolution for Holy Beings by Joy Harjo. Copyright © 2015 by Joy Harjo. Utilizzato con il permesso dell’autrice, W. W. Norton & Company, Inc. Tutti i diritti riservati.

Traduzione di Valentina Meloni (28/03/2020)

 

*

 

Don’t Bother the Earth Spirit

 

Don’t bother the earth spirit who lives here. She is working on a story. It is the oldest story in the world and it is delicate, changing. If she sees you watching she will invite you in for coffee, give you warm bread, and you will be obligated to stay and listen. But this is no ordinary story. You will have to endure earthquakes, lightning, the deaths of all those you love, the most blinding beauty. It’s a story so compelling you may never want to leave; this is how she traps you. See that stone finger over there? That is the only one who ever escaped.

 

Non disturbare lo spirito della terra

Non disturbare lo spirito della terra che vive qui. Sta lavorando a una storia. È la storia più antica del mondo ed è delicata, mutevole. Se ti vede guardare, ti inviterà a prendere un caffè, ti darà del pane caldo e sarai obbligato a restare ad ascoltare. Ma questa non è una storia ordinaria. Dovrai sopportare terremoti, fulmini, la morte di tutti coloro che ami, la bellezza più accecante. È una storia così avvincente che potresti non volertene mai andare; è così che ti intrappola. Vedi quel dito di pietra laggiù? Quello è l’unico che sia mai riuscito a scappare.

*

Invisible Fish

Invisible fish swim this ghost ocean now described by waves of sand, by water-worn rock. Soon the fish will learn to walk. Then humans will come ashore and paint dreams on the dying stone. Then later, much later, the ocean floor will be punctuated by Chevy trucks, carrying the dreamers’ descendants, who are going to the store.

Pesci invisibili

Pesci invisibili nuotano in questo oceano fantasma ora raccontato da onde di sabbia, da rocce consumate dall’acqua. Presto i pesci impareranno a camminare. Poi gli umani verranno a riva e dipingeranno sogni sulla pietra morente. Poi più tardi, molto più tardi, il fondo dell’oceano sarà punteggiato da pickup, che trasportano i discendenti dei sognatori, che stanno andando al supermercato.

 

Traduzioni di Valentina Meloni (30/3/2021)

Da “Secrets from the Center of the World” by Joy Harjo, with photographs by Stephen Strom. © The Arizona Board of Regents. (University of Arizona Press, 1989)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *