RAE ARMANTROUT: non confondere il fasullo con il falso

RAE ARMANTROUT: non confondere il fasullo con il falso

Fotografia di Andrea Auge

 

Rae Armantrout è una poetessa statunitense nata a Vallejo il 13 aprile 1947. Autrice di 16 raccolte poetiche e presente in numerose antologie, la sua collezione di liriche “Versed” (Wesleyan University Press, Connecticut, 2009) è stata insignita nel 2009 del National Book Critics Circle Award e l’anno successivo del Premio Pulitzer per la poesia. Ha conseguito un bachelor’s degree all’Università della California, Berkeley e successivamente un Master in scrittura creativa alla San Francisco State University. Tra i poeti fondatori della tendenza d’avanguardia degli anni ’70 denominata Language poets, Rae Armantrout è professoressa emerita all’Università della California, San Diego, dove ha insegnato per più di 20 anni ed è stata a lungo direttrice della New Writing Series. Vive a Everett, Washington.

Di seguito le prime tre poesie sono tratte dal suo ultimo libro uscito a ottobre 2020 negli USA “Conjure” (University Press of New England, 2020) le altre due sono state pubblicate in The New Yorker.

 

 

SENZA EGUALI

 

Questo eucalipto,

con le sue foglie ellittiche

 

a penzoloni, leggere e secche

come una crisalide abbandonata,

 

con i suoi modesti grappoli

di fiori rosa pallido

 

e la posa languida,

è il mio ideale irraggiungibile.

 

Qualcosa di simile,

a un rovinoso rudere,

 

ormai trascorso

e in bella vista –

 

da nessuna parte

nel nostro dannato sistema

 

stellare

 

esiste

una tale bellezza.

 

 

NONESUCH

 

This eucalyptus,

with its elliptical leaves

 

dangling, light and dry

as an abandoned chrysalis,

 

with its modest bunches

of pale pink flowers

 

and languid pose,

is my unattainable ideal.

 

Of a piece,

in pieces,

 

past it all

and in plain view –

 

nowhere

in the blasted web

 

of stars

 

is there any

such beauty.

 

 

AVVERTIMENTO

 

Il modo in cui un gesto

usato per scongiurare guai

divenne allegro nel saluto.

 

C’era così tanto di imminente

ed evanescente

 

di cui prendere nota

sempre;

 

ci siamo sentiti come attori

 

prima di sapere

cosa stessimo facendo

 

e dopo.

 

 

*

 

Si scopre

che la maledizione della mummia

è reale.

 

Estrai una densa morte

dal terreno

e la bruci –

 

ti uccide.

 

Ma in tutti i film

le maledizioni sono un trucco della trama

a buon mercato.

 

Lo stupido

che non sa leggere il geroglifico

muore prima

 

e non manca a nessuno, lui.

 

Loro.

 

Noi siamo nati ieri.

Siamo spiacenti.

 

 

NOTICE

 

The way a gesture

used to ward off trouble

became cheerful waving.

 

There was so much looming

and vanishing

 

to take note of

always;

 

we felt like play actors

 

before we knew

what we were about

 

and after.

 

 

*

 

Turns out

the mummy’s curse

is real.

 

You pump thick death

out of the ground

and burn it –

 

it kills you.

 

But in all the movies

curses are a cheap

plot trick.

 

The doofus

who can’t read the hieroglyph

dies first

 

and no one misses him.

 

Them.

We were born yesterday.

We’re sorry.

 

 

 

PINOCCHIO

 

 

Filo. Fune.

In questo sogno,

 

i sentieri si incrociano

e si incrociano ancora.

 

Stanno componendo

un ragazzo reale

 

fuori dall’ordinario.

 

 

*

 

Ognuno

è l’unico

 

 

vero ragazzo.

 

Ognuno lo sa

deve essersi

 

sbagliato

su questo, ma

 

non può sentire

come

 

 

*

 

Il pesce

e il pescatore,

 

il pilota,

la principessa,

 

il vigile del fuoco e

quelli in fiamme

 

 

 

PINOCCHIO

 

Strand. String.

In this dream,

 

the paths cross

and cross again.

 

They are spelling

a real boy

 

out of repetition.

 

 

*

 

Each one

is the one

 

 

real boy.

 

Each knows

he must be

 

wrong

about this, but

 

he can’t feel

how

 

 

*

 

The fish

and the fisherman,

 

the pilot,

the princess,

 

the fireman and

the ones on fire

 

tratte da “Conjure” (University Press of New England, Collana Wesleyan Poetry Series, 2020)

 

 

E

 

1

Teso e tenue

crescono dalla stessa radice

come pure tenero

nelle sue diverse forme:

il fiore dell’acetosella;

la falena gialla.

 

2

Non vorrei confondere

il fasullo

con il falso.

Il fasullo

è un pollice dolente

mentre il falso

si rovescia

come fanno pesci e giocolieri.

 

And

 

1

Tense and tenuous

grow from the same root

as does tender

in its several guises:

the sour grass flower;

the yellow moth.

 

2

I would not confuse

the bogus

with the spurious.

The bogus

is a sore thumb

while the spurious

pours forth

as fish and circuses.

 

 

CRESCENDO

 

LA LUCE 1 

 

Tre in punto, circa due ore di luce rimaste,

gloriose sul pero ornamentale,

alcune foglie punteggiate di rosso scuro.

Le grandi foglie di ciò che pensiamo sia

finto arancio — di nuovo gialle, come quando sono apparse

per la prima volta — e presto cadranno.

 

Mi mancherai così tanto quando te ne sarai andato.

Mi mancheresti se guardassi altrove

o se una nuvola coprisse il sole.

Mi manca questo momento

mentre continua ad accadere.

 

LA LUCE 2 

 

Quel piccolo albero,

dalle foglie ora punteggiate

d’oro e rosso

scuro, ha passato

tutte le transazioni —

teso in crescendo,

senza innalzare lodi a nessuno.

 

L’oro per cui la mia gente

ha raso al suolo il mondo…

 

è stato incassato là fuori.

 

CRESCENDO

 

THE LIGHT 1

 

Three o’clock, about two hours of light left,

glorious on the ornamental pear,

some leaves grizzled dark red.

The large leaves of what we think is

mock orange—yellow again, as when they first

appeared—and will soon fall.

 

I’ll miss you so much when you’re gone.

I’d miss you if I looked away

or if a cloud covered the sun.

I miss this moment

as it goes on happening.

 

THE LIGHT 2

 

That little tree,

leaves now grizzled

gold and dark

red, is past

all transaction—

stiff in crescendo,

praising no one.

 

The gold my people

razed the world for—

 

cashed out there.

 

 

pubblicate in The New Yorker

(Traduzioni: Valentina Meloni)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *